RATIFICA ACCORDI ITALIA-SERBIA IN MATERIA GIUDIZIARIA

IL MIO INTERVENTO IN DICHIARAZIONE DI VOTO PER IL PARTITO DEMOCRATICO

CAMERA DEI DEPUTATI – Negli ultimi anni, per rispondere alle esigenze strategiche del contrasto al crimine internazionale, sono stati firmati numerosi accordi di cooperazione giudiziaria.

Il disegno di legge al nostro esame si inserisce in questo contesto e reca, in particolare, l’autorizzazione alla ratifica e all’esecuzione di due accordi tra Italia e Serbia diretti a facilitare l’applicazione delle due convenzioni europee del 1957 e del 1959 su estradizione e assistenza giudiziaria in materia penale.

L’obiettivo, in sintesi, è quello di intensificare e affinare gli strumenti di cooperazione giudiziaria tra Italia e Serbia finalizzati alla lotta alla criminalità organizzata e al riciclaggio, prevedendo la facoltà di estradizione reciproca dei propri cittadini sia per i reati di criminalità organizzata, corruzione e riciclaggio che per altri reati gravi. Obbiettivo di per sé condivisibile, come si vede.

L’esecuzione dei due accordi si inserisce, inoltre, nel contesto più generale dello sviluppo delle prospettive strategiche dei rapporti tra la Serbia e l’Unione europea e tra la Serbia e il nostro Paese.

La Serbia, come sappiamo, è impegnata a sostenere ed applicare norme e leggi compatibili con quelle europee al fine di favorire il proprio processo di adesione e d’integrazione europea, ormai definitivamente avviato.

Per quanto riguarda, invece, i rapporti tra la Serbia e il nostro paese, occorre registrare che essi si sono particolarmente intensificati negli ultimi anni.

Voglio ricordare che nel 2018 l’Italia è stato il secondo partner commerciale della Serbia. Nel 2018 le esportazioni italiane in Serbia hanno registrato un +4,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre l’import italiano è rimasto sostanzialmente invariato. Secondo i dati dell’Agenzia per lo sviluppo della Serbia (RAS), l’Italia rappresenta anche il primo investitore estero con una presenza di circa 600 aziende.

I contenuti specifici del provvedimento sono stati ampliamenti illustrati. Per questo, non torno sui loro aspetti specifici, se non per dire che la finalità che essi perseguono di semplificare gli accordi stipulati a livello europeo e di rendere più incisivi i rapporti diretti di collaborazione bilaterale sono da avallare e sostenere.

Per l’importanza specifica del provvedimento e per l’incontestabile crescita dei rapporti tra i due Paesi, dunque, annuncio il voto favorevole del Gruppo del Partito Democratico.